Indietro

Il salmone è un super food!

Non solo per la vitamina D

Il salmone appartiene al primo gruppo fondamentale degli alimenti. Quelli ricchi di proteine e ad altissimo valore nutritivo. Prima di tutto, è ricco di peptidi ovvero contiene tutti gli amminoacidi essenziali per l’essere umano. Tra di essi, anche i polinsaturi come gli Omega 3, di cui sono ricchissimi anche sgombro e aringhe. Sul fronte delle vitamine, nel salmone troviamo molte idrosolubili come la B1, la B6, la B12 ma anche vitamine liposolubili come il retinolo e la pro vitamina A. Anche fosforo e selenio sono presenti nella carne di salmone: il secondo è noto per le proprietà antiossidanti mentre il fosforo contribuisce all’assorbimento del calcio nell’intestino, rafforza il potere rigenerativo delle cellule ed è fondamentale per la formazione ossea. 

Infine, la vitamina D: 100 grammi di trota salmonata da allevamento ad esempio apportano 15,9 μg di vitamina D. Il salmone è inoltre il pesce più ricco di DHA, un acido grasso che è componente essenziale della retina. Il suo ruolo è quindi sostanziale per il benessere della vista. Molto spesso mangiamo salmone da allevamento, ma è curioso conoscere la storia naturale di questo pesce straordinario che fa chilometri nella sua vita. Il salmone atlantico nasce in acqua dolce. Entro i due anni di età lascia il luogo natale per dirigersi verso il mare e nella sua migrazione giunge fino alle coste groenlandesi. Trascorsi 2-3 anni in queste acque ricche di cibo, il salmone riprende la faticosa migrazione verso il luogo natio, dove deporrà le uova. E se in un fiume un salmone depone le uova, si può stare certi che quelle siano acque pulite. Da lì poi ricomincerà il suo ciclo vitale.

Eventi

Melograno ed enotera

Per sollecitare il collagene