Indietro
1920x580

La nostra alimentazione influisce sulla vista?

Un esperto ci spiega come e perché

Franco Spedale è direttore dell’Unità Operativa a funzione Dipartimentale dell’Oculistica dell’Ospedale di Chiari ASST Franciacorta dal Dicembre 2006. Ed è a lui che si è rivolta Zeiss Vision Care, leader a livello mondiale nella produzione di lenti per occhiali da vista e strumenti per l’ottica oftalmica. Spedale ci spiega che mangiare bene e sano comporta prima di tutto il mantenimento di un buon equilibrio omeostatico di tutto il corpo, ovvero un giusto livello di benessere psico-fisico. Questo equilibrio permette agli occhi di mantenere sani il film lacrimale, la cornea, il cristallino e la retina.

La vitamina A, B, C, D e E, insieme agli antiossidanti come coenzima Q10, luteina, zeaxantina, melatonina, Omega-3 e betacaroteni sono di fondamentale importanza per il benessere degli occhi.

In primis, mantengono le lacrime sane. Qualsiasi alterazione di tipo ormonale o assunzione di farmaci che possono derivare anche da una dieta alimentare non corretta possono modificare il film lacrimale e quindi portare a una “semplice” ma fastidiosa secchezza oculare fino ad alterazione alla cornea. Poi, le vitamine  prevengono patologie retiniche. Ci sono studi che dimostrano che gli antiossidanti impediscono alle strutture anatomiche dell’occhio di depositare dei materiali di scarto che sarebbero alla base della degenerazione maculare.

Terzo, una buona alimentazione mantiene in salute il cristallino e la retina, evitando alterazione a loro carico. In questo caso sono importanti soprattutto i cibi che contengono la vitamina B, vitamina E e la vitamina C. Un’alimentazione sana significa sostanzialmente bilanciare il consumo di proteine, grassi e carboidrati, preferibilmente a lento assorbimento. Un altro elemento da tenere in considerazione quando si parla dell'influenza che può avere l’alimentazione sul benessere dei propri occhi riguarda la dipendenza che può causare l'eccessivo consumo di carboidrati a rapido assorbimento. “Questi cibi causano infatti un’impennata della glicemia con un picco dell’insulina che porta quindi a sviluppare una dipendenza nell’assunzione di carboidrati. A lungo andare questo può provocare patologie come ad esempio il diabete che negli occhi causa un’alterazione della superficie lacrimale, del cristallino e della funzione retinica”.

Quindi, alimentarsi in modo bilanciato e fruire di integratori è la via migliore per preservare i nostri occhi.

Eventi

Un meraviglioso sgabello in cartone riciclato

Gli oggetti che piacciono a noi e all’ambiente

Componi il bracciale come vuoi tu!

La gioielleria diventa gioco