Indietro

Le scarpe non cambiano il mondo. Tu si

I giovani insieme per creare un futuro migliore

Si chiama Shoes Don’t Change the World. You Do (‘Le scarpe non cambiano il mondo. Tu sì’) ed è la nuova piattaforma con cui  Foot Locker parla alla generazione Z. Con l’obiettivo di comunicare che non sono le scarpe a fare la persona, ma è la persona a fare le scarpe. 

Carmen Seman, Vice Presidente Marketing di Foot Locker in Europa, commenta: “È la constatazione che le scarpe, pur non cambiando il mondo, danno alle persone la fiducia di essere se stesse; ed è proprio da qui che inizia il cambiamento”. La nuova piattaforma, che celebra la gioventù moderna impegnata a trasformare il mondo in un luogo migliore, riconosce che c’è voglia di cambiamento. Dimostrando la lealtà di Foot Locker verso il suo pubblico, la piattaforma evidenzia l’impegno del brand a lavorare a fianco della community di giovani e a supportarla mentre lotta per creare un futuro migliore. Il video di debutto è stato presentato venerdì 17 luglio e celebra i principali protagonisti che creano e ispirano il cambiamento nelle rispettive comunità, incoraggiando questo mondo a creare qualcosa di migliore.

Per realizzare questa storia Foot Locker ha collaborato con cinque autorevoli talenti europei: Ashton Attzs e Jade Pearl nel Regno Unito, Marvin Bonheur in Francia e David Blank e Muriel Elisa De Gennaro in Italia. Ashton, eccentrica artista che vive a Londra, usa l’arte per creare dipinti e illustrazioni che stimolano le persone comuni e affrontano importanti tematiche. Jade, artista astratta, illustratrice e modella, usa la creatività per trasmettere al suo pubblico messaggi potenti. Il fotografo Marvin è cresciuto nel 93’, appena fuori Parigi, ed è stato stimolato a usare la fotografia analogica per catturare ed evocare ricordi della sua infanzia nei progetti parigini. David, cantante-autore italo-nigeriano che vive a Milano, si definisce artista, feroce, nero, impavido, eccentrico e femminista. Il suo sound unico racchiude i suoi sentimenti e mira a portare in viaggio chi ascolta, infondendo speranza e unendo le persone. Infine Muriel, che vive in Italia, ha un ruolo autorevole nella comunità LGBTQ+ e usa la sua piattaforma per celebrare la community, incoraggiando l’amore di sé e la body positivity. Dopo il lancio ufficiale ‘Shoes Don’t Change the World. You Do’ sarà presente in diverse campagne per tutta l’estate e oltre, accedendo i riflettori su diversi changemaker.

Eventi

Capelli al sole

Latte per quelli fini. Olio per quelli grossi