Indietro
1920x580

I grassi buoni, che ci mantengono giovani

Vi spieghiamo quali sono

Ci hanno sempre detto che i grassi fanno male. Ma dipende da quali! Anzi, alcuni grassi sono essenziali e ci preservano anche dall’invecchiamento. Siamo andati a chiederlo a un medico, esperto in nutrizione, atleta, riferimento della nutrizione anti aging, Francesco Balducci. Ed ecco cosa ci ha detto.

La nostra membrana citoplasmatica è fatta da grassi. Gli stessi ormoni sono lipidici: il nostro invecchiamento è dovuto fra le altre cose anche alla scarsa ingestione di grassi, osteggiati negli anni Ottanta. Invece sono protettivi e fondamentali per la salute cardiovascolare. Bisogna semplicemente non introdurre i grassi sbagliati”.

Quali sono quelli giusti? Olio extra vergine spremuto a freddo, a basso livello di lipido-ossidazione. Le olive sono un’altra ottima fonte, come frutta secca e il burro chiarificato ricco di butirrato, acido grasso a catena corta utile alla salute intestinale. Avocado, pinoli o mandorle, uova, olio di cocco sono altri grassi benefici.

L’importante è che siano di buona qualità, soprattutto l’olio di oliva. “Piú il livello di lipoperossidi è basso più alta è la qualità. La lipo perossidazione, quando agisce sulle membrane lipidiche, può determinare frazioni piccole del colesterolo (LDL) ossidate, primo passo della famosa placca che crea depositi di calcio”.

E il colesterolo? “Il colesterolo è pericoloso quando è ossidato, per controllarlo bisognerebbe fare un esame che controlla le LDL ossidate. Il colesterolo presente negli alimenti non c’entra con quello nel sangue. Servono 35 passaggi metabolici per produrre quello umano che poco ha a che vedere con quello negli alimenti”.

grassi